WeCreativez WhatsApp Support
Supporto Clienti
Ciao, come posso aiutarti?

17 novembre, 2018

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
“Afghanistan 2015”, una mil-sim che non si dimentica

“Afghanistan 2015”, una mil-sim che non si dimentica

L’edizione 2015 di “Afghanistan”, svoltasi dal 24 a 26 aprile scorsi nei pressi di Milovice, nella Repubblica Ceca, ha confermato ancora una volta la caratura internazionale di questo ormai storico raduno di gioco a modalità mil-sim. Da più di quindici anni, l’evento coinvolge e diverte migliaia di softgunner provenienti da tutta Europa, affermandosi come uno dei big game più popolari del continente, con un picco di ben tremila partecipanti raggiunto nell’edizione del 2006.

Col passar del tempo, il soft air è andato evolvendosi, così anche “Afghanistan” si è adattato alle esigenze dei nuovi praticanti. Oggi, ad esempio, non si inseguono più i grandi numeri, ma ci si limita a non più di cinquecento operatori per poter organizzare al meglio scenari e storyboard, così da far vivere ai giocatori esperienze sempre più realistiche e divertenti.

Ogni anno, l’appuntamento viene confermato nel mese d’aprile: softgunner provenienti dalle più svariate nazioni – Austria, Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, USA, Ucraina e, nel 2015, anche Italia – si riuniscono presso l’ex base militare di Milovice, a cinquanta chilometri da Praga, per dar vita a questa 36h di puro, autentico divertimento. L’evento è organizzato dall’agenzia Ferox Events in collaborazione col “tankodromo” locale (una sorta di museo all’aperto con mezzi corazzati dismessi, molti dei quali ancora funzionanti e utilizzati per portare in giro i visitatori) e altre strutture della zona preposte all’allestimento scenico e alla logistica.

Ambientato in un ipotetico Afghanistan dei nostri giorni, il game prevede lo schieramento di tutti i partecipanti nella fazione Isaf, che dispone, grazie al “tankodromo”, di veri mezzi blindati, cingolati leggeri, jeep e di un elicottero. Le altre fazioni sono gestite direttamente dall’organizzazione, che lavora giorno e notte per far funzionare quest’immensa macchina ludica. Russi, talebani, contractor e perfino civili sono perfettamente diretti e coordinati come in un film per simulare al meglio il conflitto afghano; tutto è curato al minimo dettaglio, dal vestiario agli edifici, e perfino le basi militari, che sono scavate nel terreno per simulare le FOB (forward operating base) della coalizione.

Negli eventi organizzati da Ferox Events, il limite di potenza delle ASG è quello fissato dalla legge ceca – 2 joule – quindi il doppio di quanto consentito in Italia, inoltre si possono utilizzare fumogeni, granate e petardi senza restrizioni o controlli vari.

Un problema fondamentale è quello della lingua, motivo di un certo disagio per molti giocatori, ma che conferisce all’evento quella particolare tensione che si prova realmente sui campi di battaglia dell’Afghanistan, dove spesso si è costretti, anche in situazioni difficili, a spiegarsi a gesti. A dir la verità, la conoscenza dell’inglese sarebbe d’obbligo, ma non tutti i giocatori lo parlano fluentemente, perciò l’organizzazione mette a disposizione dei partecipanti propri interpreti per l’assistenza linguistica, oltre ai comandanti d’unità (veri militari di carriera), meccanici, piloti carri, autisti e perfino accompagnatori, a disposizione degli ospiti per l’intero soggiorno nella Repubblica Ceca, anche come guide per eventuali visite turistiche in città.

Il tutto è pensato per sollevare i giocatori da qualsiasi problematica logistica e organizzativa, sia inerente il game che il viaggio, lasciando ad essi soltanto il piacere di vivere trentasei ore di vero soft air in puro stile afghan war. Infatti, oltre a gestire il gioco, Ferox Events organizza il trasporto e il dislocamento di tutti i partecipanti, da qualsiasi parte del mondo essi provengano, a partire da sotto casa, in modo che non abbiano da preoccuparsi assolutamente di nulla.

I softgunner hanno inoltre la possibilità di scegliere tra vari pacchetti, che possono comprendere il pernotto in albergo, visite a Praga, sessioni di tiro in poligono con armi da fuoco vere, noleggio di autoveicoli per uso personale eccetera.

L’edizione 2015 di “Afghanistan”, la prima ad essere proposta anche al pubblico italiano, ha visto la partecipazione di ventidue giocatori provenienti da Trento, Modena e dal Ticino. Tra i grandi sponsor dell’evento, il direttivo nazionale dei GAS (Gruppi Autonomi Softair), che ha promosso “Afghanistan” presso le fiere di settore.

Ma il raduno in questione non è l’unico organizzato da Ferox Events per il 2015: sempre col supporto dei GAS, l’agenzia ha in calendario per il prossimo settembre un altro big game del genere, intitolato “Baghdad”, che sarà, per lo scenario a cui si ispira, molto più urban e molto più CQB.
(Indrit Budlla)

Info GAS:
• Tel. 0412621679
• E-mail: info@sportnazionale.it
• Sito web: www.softairnazionale.it

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts