20 Ottobre, 2020

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Allarme bomba nel Monferrato… ma è soft air

Allarme bomba nel Monferrato… ma è soft air

Il caseggiato oggetto dell’azione dei militari.

Bomba in un cascinale, ma era un gioco (dimenticato) da softair

Intervengono carabinieri e artificieri: si valuta la posizione dell’associazione casalese

Articolo di Monica Gasparini per Il Piccolo

Camagna (Al), 13 aprile 2020 – Giocano alla guerra, o meglio al tiro tattico sportivo. Si addestrano con armi e ordigni simil-veri nei boschetti della zona, oggetti talmente perfetti da aver scatenato, in questa giornata di Pasquetta, una task force di carabinieri, con arrivo connesso degli artificieri della polizia (di turno) che non è passata inosservata in quel del Monferrato.

Nonostante sulla vicenda non trapelino notizie dalle forze dell’ordine, qualcosa lo abbiamo saputo.

Verso le 13:00, durante una passeggiata in solitaria, un abitante nota in un cascinale diroccato qualcosa di sospetto.

A vederlo sembrava un ordigno rudimentale, con tanto di antenna radio e panetti d’esplosivo. Immediata la telefonata ai carabinieri: sul posto arrivano una ventina di militari che cinturano l’area e iniziano le indagini, perché quell’aggeggio sembra proprio una bomba.

Scattano anche le informative: bisogna capire se in zona operi una qualche organizzazione legata alla criminalità, oppure esponenti di movimenti eversivi. All’interno del cascinale, visto che l’ordigno è ben strutturato non si può entrare, bisogna aspettare gli artificieri. Nel frattempo, i carabinieri trovano una serie di pallini di plastica. A quel punto, le indagini si orientano alle associazione di softair. Ne viene contattata una di Casale: il presidente racconta di una esercitazione di fatta a fine febbraio, ma non ricorda l’ordigno. Poi la lampadina si accende, e viene confermato l’utilizzo di un ordigno (finto) per trappolare (piazzare trappole esplosive nelle abitazioni) le case.

Arrivano gli artificieri che, comunque, per estrema prudenza intimano ai militari di non toccare quell’ordigno.

Accertato che si trattava di un giocattolo (perfettamente riconducibile ad una bomba vera, però) l’allarme è rientrato. Ma i militari stanno valutando la posizione del presidente dell’associazione softair.

Se desideri consultare l’aggiornamento delle notizie inerenti il soft air pubblicate dalla stampa generalista, CLICCA QUI.

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *