28 Gennaio, 2022

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Ambientalisti della Campania fanno la guerra al soft air

Ambientalisti della Campania fanno la guerra al soft air

Nota della nostra redazione: una gara di soft air organizzata con tutti i crismi della sicurezza e del rispetto per il territorio – tanto da meritare il patrocinio dell’amministrazione comunale – viene contestata in nome di un vago e strumentale principio di tutela dell’ambiente, dietro il quale, in realtà, si cela un pregiudizio ideologico nei confronti di chi pratica attività sportive e sociali non conformi al “politicamente corretto”. L’articolo che segue, tratto dal sito d’informazione “Avellino Today”, testimonia una volta più che mai l’atteggiamento intollerante dei cosiddetti “ambientalisti”, mai disposti a comprendere e rispettare la gente che ha una visione della vita e dei problemi diversa dalla loro. L’ambiente appartiene a tutti, cari signori, ed è certamente da pazzi non avere a cuore la sua conservazione, ma questo fa ormai parte della sensibilità e della coscienza comuni. Purtroppo, però, una minoranza di visionari al limite del fanatismo pretende di monopolizzare il tema con posizioni estremiste e arbitrarie, cercando di limitare la libertà altrui e demonizzando chiunque non sia schierato sulle sue posizioni. Eh no, cari “ambientalisti”, adesso basta. Avete già perso la partita del referendum anticaccia, appena bocciato dalla Cassazione, che altro volete? Che la gente cominci a odiarvi?

No al softair sull’altopiano di Verteglia, ASA, WWF e ASOIM: «Intervenga l’Ente Parco»

Le tre associazioni ambientaliste hanno ufficialmente chiesto l’intervento dell’Ente Parco dei Monti Picentini

Articolo tratto da Avellino Today

Montella (Av), 3 dicembre 2021 – Non mancano le proteste a Montella. Nel mirino è finita l’attività di softair “Pattuglia a lungo raggio”; organizzata in diverse aree dell’altopiano di Verteglia e che ha ottenuto anche il patrocinio della Giunta comunale, presieduta dal sindaco Rino Buonopane. La convinzione era che l’iniziativa potesse essere finalizzata alla promozione e alla valorizzazione del territorio montano del Parco Regionale. Invece, ha destato molte perplessità da parte di associazione ASA in Montella e numerose associazioni sul territorio ne hanno condiviso il dissenso, su tutte, WWF e ASOIM, che hanno ufficialmente chiesto l’intervento dell’Ente Parco dei Monti Picentini. L’evento in questione, ad ogni modo, non ha avuto luogo a causa del maltempo ma, ovviamente, è in programma una replica. 

In sostanza, le tre associazioni ambientaliste hanno espresso tutto il loro dissenso rispetto all’evento softair denominato “Pattuglia a lungo raggio” da tenersi sull’altopiano di Verteglia col patrocinio morale del comune di Montella. Pertanto, hanno invitato l’Ente Parco dei Monti Picentini a revocare e/o negare il parere favorevole all’iniziativa (qualora non ancora richiesto) perché in contrasto con le norme e le finalità stesse dell’Ente a tutela delle aree montane.

ASA (Associazione Intercomunale per la Salvaguardia dell’Ambiente), WWF (World Wildlife Fund) e ASOIM (Associazione Studi Ornitologici Italia Meridionale), chiedono all’amministrazione comunale di Montella di ritirare il patrocinio alla manifestazione e all’Ente Parco di garantire l’osservanza delle disposizioni regionali a tutela dell’ambiente montano e del suo habitat.

Se vuoi lasciare un commento, utilizza l’apposita finestra che trovi in basso nella pagina.

Se desideri consultare l’aggiornamento delle notizie inerenti il soft air pubblicate dalla stampa generalista, CLICCA QUI.

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts

1 Comment

  1. Maurizio D'Acquarica

    Come al solito. L’ignoranza (cioè la mancata conoscenza degli aspetti puramente sportivi dell’attività SOFTAIR ) viene amplificata dal pregiudizio. Difficile da combattere. Però è necessario almeno provare, forse aprendo un tavolo.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *