16 luglio, 2018

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Barcellona, se il soft air ti salva la vita

Barcellona, se il soft air ti salva la vita

Da Il Giornale di Brescia del 18 agosto 2017

Tanti i bresciani a Barcellona che ieri hanno assistito all’attentato terroristico sulla Rambla, che ha portato alla morte di 13 persone, tra cui due italiani. Tra i testimoni anche Maurizio Cobelli, panettiere di Molinetto di Mazzano.
«Sono vivo per miracolo», è il messaggio che il 24enne ha inviato agli amici pochi istanti dopo la tragedia. Il giovane ha visto la morte in faccia quando il furgone bianco gli è transitato davanti andando a falciare decine di persone sulla Rambla.

Maurizio si era appena separato dagli altri cinque amici tornati all’alloggio per preparare i bagagli in vista del ritorno a Brescia; voleva fare una sorpresa al «collega» pasticciere giapponese conosciuto a Tokyo e residente a Barcellona e stava consultando il cellulare per verificare sulla mappa virtuale come raggiungere l’amico.

Ma è proprio in quel momento che il giovane panettiere si accorge che un furgone bianco sta transitando ad alta velocità nell’area pedonale della centralissima strada. Sono soltanto la sua prontezza di riflessi e l’abitudine a lanciarsi a terra durante le competizioni di softair a salvargli la vita e a schivare il furgone, che in un attimo va a travolgere persone e cose.

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts