27 Settembre, 2022

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Dal soft air all’Ucraina passando per CasaPound

Dal soft air all’Ucraina passando per CasaPound

Nota della redazione di “Soft Air Dynamics”: a prescindere dalla nostra posizione sulla guerra in Ucraina – che decisamente non corrisponde a quella del giovane protagonista di questa vicenda – commentare la notizia che segue è piuttosto arduo. Nel 2004, la corte d’assise di Bari assolse Salvatore Stefio e Giampiero Spinelli dall’accusa di arruolamento non autorizzato al servizio di uno Stato estero (art. 288 del Codice Penale); nel caso in oggetto, la Digos di Genova rileva invece un profilo di reato e ha deciso pertanto di avviare un’indagine. Non sarà perché il ragazzo è un simpatizzante di CasaPound che si fanno differenze?…

Dal softair alla guerra in Ucraina: militante di CasaPound indagato per essersi arruolato da mercenario

Articolo di Lucio Meo per Secolo d’Italia

Genova, 10 agosto 2022 – Un 19enne italiano genovese, simpatizzante di CasaPound, è il primo indagato per essersi arruolato nella Brigata internazionale ucraina. Kevin Chiappalone, che sarebbe partito in primavera, si troverebbe ancora nel Donbass. L’indagine è della Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Genova ed è stata condotta dalla Digos di Genova. Secondo quanto ricostruito, il 19enne, stabiliti contatti via web con i miliziani, sarebbe arrivato in Ucraina dalla Polonia dopo aver raggiunto Varsavia in aereo.

Kevin Chiappalone ritratto insieme ad alcuni combattenti filo-ucraini.

Da CasaPound di Genova alla spedizione nel Donbass
Il sostituto procuratore Marco Zocco della Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo genovese lo accusa di essere un mercenario arruolato nella Brigata internazionale ucraina e rischia una condanna da due a sette anni. L’indagine della Digos era partita dopo le dichiarazioni del giovane al settimanale Panorama in cui annunciava di volere partire per difendere l’Ucraina dopo avere sentito Putin che parlava di “denazificare il Paese”.

Secondo quanto appreso, il ragazzo, senza alcuna esperienza in ambito militare o nell’uso delle armi (se non la passione per il softair), è partito a maggio, entrando nel Paese probabilmente attraverso il confine polacco. Dopo una fase di addestramento, come mostrano anche alcune foto sui social, ora si troverebbe in Donbass. La Digos ha interrogato diverse persone di CasaPound. Da quanto emerso avrebbe fatto tutto da solo tramite internet. Sarebbe arrivato in Polonia con l’aereo e da lì in pullman ha raggiunto il fronte.

Primo piano di Kevin Chiappalone.

Se vuoi lasciare un commento, utilizza l’apposita finestra che trovi in basso nella pagina.

Se desideri consultare l’aggiornamento delle notizie inerenti il soft air pubblicate dalla stampa generalista, CLICCA QUI.

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *