01 Febbraio, 2023

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Gare di soft air abusive: sigilli nell’ex mollificio

Gare di soft air abusive: sigilli nell’ex mollificio

Nella slide, alcune immagini dell’ex mobilificio di San Felice del Benaco (Bs), da tempo scenario di gare abusive di soft air.

Nota della redazione di “Soft Air Dynamics”: la notizia che riportiamo a seguito, pubblicata dal “Corriere della Sera”, ci fa veramente incazzare. E non per la decisione – del tutto legittima e giustificata – d’impedire l’uso dell’ex mollificio da parte di persone non autorizzate, ma perché siamo di fronte alla solita, smaccata, vergognosa dimostrazione d’inciviltà e irresponsabilità messa in atto da gente che gioca a soft air. Non osiamo immaginare quanti gruppi (regolari o meno), e da quanto tempo, abbiano fatto scorribande nel complesso industriale dismesso, con tutti i rischi per la loro stessa incolumità. Continuate così, ragazzi, che prima o poi, anziché agli ex mollifici, i sigilli finiranno per metterli al soft air!

Sfide di softair nell’ex Mollificio, messi i sigilli

L’industria, ormai dismessa ed abbandonata a se stessa, era diventata nei fine settimana luogo d’incontro per le squadre che giocano a fare la guerra. Così sono stati chiusi tutti gli ingressi

Articolo di Valerio Morabito per Corriere della Sera (Brescia Corriere)

San Felice del Benaco (Bs), 20 novembre 2022 – Lucchetti all’ex Mollificio Bresciano. Di recente sono stati sigillati gli ingressi del grande comparto industriale dismesso di San Felice del Benaco dove fino al 2000 si sono prodotte molle a balestra e barre stabilizzatrici. Una decisione, quella di apporre dei sigilli, dettata da motivi di sicurezza. Si, perché in diverse circostanze squadre di softair hanno fatto irruzione nell’ampio perimetro per svolgere l’ormai celebre sport di squadra basato sulla simulazione di azioni militari. Episodi che si sono verificati in particolar modo nei fine settimana. Questo ha spinto i responsabili della struttura dismessa ad apporre vari lucchetti agli ingressi principali, dai quali chiunque, con una certa facilità, poteva entrare.

In più sono state sistemate delle catene qualche metro prima del cancello, proprio per impedire a mezzi di trasporto di sostare nelle vicinanze dell’ex industria. Tutto ciò in attesa che il Mollificio venga rivalutato, dopo che tre anni fa era stato proposto di realizzare in quest’area uno dei terminali del mega depuratore del Garda. Idea seccamente bocciata dalla giunta di San Felice. Oggi l’ex Mollificio, opera di Vittoriano Viganò — architetto di fama internazionale — è abbandonato a se stesso nonostante si trovi in una zona di grande pregio paesaggistico e a poca distanza da un Santuario del ’400.

Se vuoi lasciare un commento, utilizza l’apposita finestra che trovi in basso nella pagina.

Se desideri consultare l’aggiornamento delle notizie inerenti il soft air pubblicate dalla stampa generalista, CLICCA QUI.

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *