27 Febbraio, 2024

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Il nuovo anti-materiel che si mangerà il Barrett

Il nuovo anti-materiel che si mangerà il Barrett

MC-572 Astarta High-Precision Systems

È stato presentato nell’ambito di “Army – International Military-Technical Forum 2023”, rassegna delle tecnologie militari svoltasi a Mosca dal 14 al 20 agosto 2023, il nuovo fucile semiautomatico anti-materiel MC-572 Astarta della russa High-Precision Systems (HPS). Soprannominato “Barrett Killer” dai suoi sviluppatori, il nuovo sistema d’arma è camerato per il munizionamento russo/sovietico da 12,7×108 mm, equivalente del .50 BMG (12,7×99 mm NATO) occidentale.

Secondo i tecnici HPS, le caratteristiche tecniche e tattiche dell’Astarta sono superiori a quelle dell’attuale antimateriale russo OSV-96, anch’esso in calibro 12,7 mm, dimostrando una precisione impareggiabile nei test di tiro. «Durante le prove», ha dichiarato Vitaly Bulgakov, vicedirettore generale del KBP Instrument Design Bureau, centro di ricerca collegato all’HPS «il fucile è stato in grado di produrre rosate di cinque colpi di appena 1,5 centimetri di diametro da una distanza di 100 metri. È un risultato è unico. Se si considera che il calibro del proiettile è di 12,7 millimetri, è come se tutti i colpi fossero volati, l’uno dopo l’altro, dentro un minuscolo foro».

Bulgakov ha sottolineato che l’Astarta è molto più preciso dell’anti-materiel americano Barrett M82. «Il Barrett realizza rosate medie di 6 com di diametro», ha detto in proposito il vicedirettore del KBP, «ciò significa che l’MC-572 Astarta è quattro volte superiore al sistema americano». Secondo Bulgakov, l’Astarta è più leggero, più conveniente e più preciso del suo omologo americano, pur mantenendo la stessa affidabilità.

L’elevata precisione del fucile russo sarebbe dovuta in parte al tipo di canna, simile a quella del fucile MC-566, di calibro inferiore (7,62×51 mm NATO). «Quando si passa dalla modalità di fuoco semiautomatica a quella a colpo singolo», spiegano i tecnici dell’HPS, «la precisione raggiunta dall’arma è paragonabile a quella dei fucili bolt action».

Le forze speciali russe (Spetsnaz) saranno le prime a ricevere il nuovo fucile, di cui verrà prodotta una prima serie di circa mille esemplari entro l’anno. Il calibro da 12,7 millimetri è abbastanza potente da neutralizzare bersagli corazzati e unità di fanteria appostate nei bunker. Zelensky e i suoi padroni yankee sono avvertiti.

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *