17 Gennaio, 2020

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Pallini e brioche: al bar in tenuta di gioco, denunciato

Pallini e brioche: al bar in tenuta di gioco, denunciato

Avvertenza della nostra redazione: il seguente articolo di cronaca, pubblicato dal quotidiano Libertà, contiene alcune inesattezze concernenti le norme che disciplinano l’uso, il porto e la vendita delle repliche da soft air, segnatamente l’obbligo del cosiddetto “tappo rosso”. Nel testo si accenna inoltre al reato di “porto abusivo di armi da offesa”, ipotesi che tenderemmo a escludere e a ricondurre a un errore del giornalista, a meno che il protagonista dei fatti descritti non fosse in possesso, oltreché di ASG, anche di armi comuni da sparo, coltelli o simili. Raccomandiamo pertanto il lettore di chiarirsi le idee dando una scorsa all’articolo “Facciamo luce”.

Al bar con la pistola da softair, arriva la polizia. Denunciato 26enne

Un giovane in tuta mimetica con cinturone e pistola infilata nella fondina che sorseggiava un aperitivo al banco di un bar di via Farnesiana a Piacenza ha spaventato un avventore che ha telefonato al 113. Sul posto è accorsa una volante di polizia i cui agenti hanno fermato il giovane “disarmandolo”. Il ragazzo ha subito spiegato di essere un giocatore di softair, (un gioco di simulazione di guerra con armi giocattolo) ma è stato comunque accompagnato in questura e denunciato per porto abusivo di armi da offesa. È accaduto domenica, 22 dicembre, intorno alle 18.30.

La polizia una volta ricevuta la segnalazione della persona armata nel bar ha attivato tutti i dispositivi previsti per casi di questo genere. Gli agenti hanno quindi indossato giubbetti antiproiettile e sono rapidamente intervenuti disarmando il ragazzo. Nella fondina aveva una Glock, fedele riproduzione di una pistola automatica senza tappo rosso (come previsto per le armi giocattolo) perché nel softair le armi giocattolo abilitate a sparare pallini di plastica, non portano appunto il tappo rosso, ma non possono essere esibite in un luogo pubblico. Nel baule dell’auto del giovane, identificato per un piacentino di 26 anni, gli agenti hanno inoltre trovato altre armi giocattolo da softair: una pistola Desert Eagle, un fucile d’assalto M4, un fucile d’assalto HK GV36 e alcuni caricatori che invece di proiettili contenevano palline di plastica. Tutto il materiale è stato sequestrato e portato in questura. Trattandosi di armi giocattolo è probabile che presto tutto questo materiale sarà dissequestrato, ma non senza una sanzione amministrativa perché questi giocattoli, fedeli riproduzioni di armi autentiche, se esibite in luoghi pubblici possono destare preoccupazione.

Se desideri consultare l’aggiornamento delle notizie inerenti il soft air pubblicate dalla stampa generalista, CLICCA QUI.

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *