20 agosto, 2018

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
War on Peak Cece Mountain 2.0

War on Peak Cece Mountain 2.0

L’ASD Doom Troopers di Ferrara, col supporto del CSF (Coordinamento Softair Ferrara), è lieta di presentare “War on Peak Cece Mountain 2.0”, mil-sim 24h a fazioni in programma per il 7 e 8 maggio 2016 a Casola Valsenio (Ra).

L’evento è riservato ad associazioni o singoli giocatori regolarmente assicurati.

Informazioni sul game
• Durata: dalle 11.00 del 7 maggio 2016 alle 11:00 dell’8 maggio 2016
• Terreno di gioco: collinare
• Impegno fisico: medio-alto
• Tipo di caricatori ammessi: monofilari (elettrici per minimi, M60 eccetera)
• Quota di partecipazione: 50,00 euro a persona pranzo incluso; 40 euro a persona pranzo escluso
• Benefit: pallini bio G&G contingentati compresi nella quota d’iscrizione; patch ricordo evento

Menu pranzo di chiusura
• Garganelli al ragu e piselli
• Salsiccia e coppa fresca alla griglia
• Patate al forno
• Crostata e ciambella
• Acqua, vino e caffè

NOTA

È possibile iscrivere all’evento anche mezzi di trasporto per solo utilizzo limitatamente alla fazione Esercito Regolare. L’organizzazione si riserva la facoltà di accettare o meno il veicolo proposto.

ANTEFATTO

Atto 2 – Italia, 2026 (oggi) – Appennino Tosco-Emiliano
In seguito ai passati eventi i Bears Grizzly Contractors hanno preso in custodia la gestione di tutti i giacimenti minerari conosciuti in zona. Il minerale Mandinius acquista sempre più valore e la multinazionale Elios Energy ha aperto nuovi contratti con l’agenzia Bears per garantire la sicurezza dei propri giacimenti.

La Guardia Nera, milizia locale, non potendo contrastare militarmente i contractors, ha trasformato la propria economia da mineraria ad economia di servizi, fornendo aiuto logistico ai Bears.

Il governo italiano, dopo un anno d’intensa attività dei propri servizi segreti e di mediazioni fallite, negando alla Guardia Nera la possibilità di maggiore autonomia e indipendenza dallo Stato, è passato alla fase decisiva per la riconquista dei territori. Subendo il pesante attacco dell’Esercito Regolare, i miliziani si sono allontanati dalle aree urbane e spinti sulle montagne.

La Elios Energy, vedendosi rallentare le estrazioni a causa degli effetti dell’incursione dell’Esercito, tramite importanti agganci nella politica americana si appella all’ONU, che invia soldati nell’area per porre un cessate il fuoco sull’intero settore.

Il piccolo contingente ONU si acquartiera nei pressi delle rovine del paese di Casola, nel villaggio un tempo utilizzato dalla Guardia Nera come centro di comando e smistamento.

Con il cessate il fuoco, la Guardia Nera può respirare e riorganizzarsi; la Elios Energy sistema le infrastrutture, assume nuovo organico per far ripartire le miniere fortificando e proteggendo i siti d’interesse con nuove forze dei Bears Grizzly.

Il Governo Italiano però non rimane immobile, ordina ai reparti sul campo di mantenere le posizioni, rinforzare i capisaldi e stringere il territorio sotto un più stretto controllo di polizia per creare le basi per una prossima offensiva contro i ribelli e riconquista dell’intero territorio. La Elios Energy ha un importante peso politico che l’esercito non può ancora contrastare… per ora…

FAZIONI E POSTI DISPONIBILI

Esercito Regolare
• Descrizione: esercito Italiano con mimetica vegetata (di qualsiasi tipo)
• Atteggiamento: 60% offensiva, 40% difensiva
• Numero massimo partecipanti: 45
• Note: costituisce una forza armata d’intervento rapido, meccanizzata e fortemente motivata, formata da veterani. Ha fortificato una vecchia cascina diroccata che funge da HQ operativo, spianato del terreno per l’eliporto e costruito una postazione d’artiglieria per il supporto da terra. Tutto è pronto e le operazioni di polizia militare s’interromperanno non appena verrà dato il via alla controffensiva generale contro i ribelli. L’obiettivo principale dell’Esercito Regolare è sconfiggere militarmente la forza paramilitare della Guardia Nera per riprendere il controllo totale dell’intero settore.

Bears Grizzly
• Descrizione: contractors con mimetica scura (Tiger, Marpat, Woodland, DPM, Atacs OD eccetera)
• Atteggiamento: 50% offensiva, 50% difensiva
• Numero massimo partecipanti: 30
• Note: i Bear sono una forza d’élite per la sicurezza e law enforcement. Avvezzi ai combattimenti ed esaltati per la vittoria sui Dog’s Bastard (Atto 1), si sono trasferiti col proprio campo base a poca distanza dal villaggio. Controllano la parte economica del settore, collaborando, in maniera defilata, con la Guardia Nera per il mantenimento di una sorta di pace. L’arrivo dell’Esercito Regolare ha stretto in una morsa questa forza, ora messa sotto pressione dal governo italiano per collaborare alla sconfitta militare della Guardia Nera. L’intera situazione è come una pentola a pressione.

Guardia Nera (colore nero)
• Descrizione: milizia con mimetica spezzata composta da giacca mimetica, pantaloni in tinta unita (nero, blu o grigio) e berretto nero (ppure con giacca nera e pantaloni mimetici .
• Atteggiamento: 90% offensiva, 10% difensiva
• Numero massimo partecipanti: 45
• Note: costituisce una forza rapida di fanteria leggera, sempre in movimento e pronta a colpire in ogni luogo sfruttando le conoscenze del territorio. La sua attività è prevalentemente offensiva, anche se difendere le proprie basi in montagna o importanti sentieri non sarebbe una cattiva idea.

ONU (organizzazione, colore azzurro)
• Descrizione: milizia con mimetica ed elmetto/basco azzurro
• Atteggiamento: 10% offensiva, 90% difensiva
• Numero massimo partecipanti: 30
• Note: è stata inviata sul posto come forza di pacificazione e controllo dopo l’azione aggressiva e la repressione attuata dall’Esercito Regolare sulla Guardia Nera e la popolazione locale.

INFO E ISCRIZIONI

E-mail: casolawar2016@gmail.com
Pagina Facebook evento: War on Cece Peak Mountain 2.0
Pagina Facebook organizzatori: Doom Troopers asd

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts