25 Ottobre, 2020

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Aboliti gli obblighi burocratici per le radio PMR446

Aboliti gli obblighi burocratici per le radio PMR446

Aboliti gli obblighi burocratici (dichiarazione e imposta) per le radio PMR446

Buone notizie per i softgunner che utilizzano ricetrasmittenti PMR446: il decreto legge n.76 del 16 luglio 2020, intitolato Semplificazione e innovazione digitale, ha abolito l’obbligo di segnalazione all’ispettorato per le comunicazioni regionale e la tassa di 12,00 euro previsti fino ad oggi per il possesso di radio CB e PMR446.

Per l’esattezza, a seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 178 del 16/07/2020 del summenzionato DL, sono stati abrogati l’art. 127 e i commi 3 e 4 dell’art. 145 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche, nonché il comma 2 dell’art.37 dell’allegato 25 del predetto Codice.

Così recita il testo del decreto legge:

Relativamente ai documenti di esercizio delle stazioni radioelettriche, a seguito della abrogazione del citato art. 127, non sussistono più gli obblighi di rilasciare il documento di esercizio ai soggetti autorizzati; relativamente alla dichiarazione da rendere per gli apparati di debole potenza CB-PMR 446 in banda cittadina, a seguito dell’abrogazione dei commi 3 e 4 dell’art. 145 e dell’art. 37 (allegato 25), viene soppresso l’obbligo di rendere la dichiarazione e, per effetto delle predette disposizioni, non risulta più dovuto il versamento del contributo annuo di euro 12,00.

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *