13 Agosto, 2020

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Boot Academy: il “servizio militare” dei ragazzi

Boot Academy: il “servizio militare” dei ragazzi

Cadetti d’Italia partecipanti a un campo estivo della Boot Academy ricevono il saluto personale del direttore esercitazione.

Boot Academy è un centro di formazione giovanile che promuove le attività operative specifiche del cadettato civile volontario. In sinergia con l’associazione Cadetti d’Italia e l’ANVG (Associazione Nazionale Volontari di Guerra) di Brescia, questa struttura aveva organizzato, per le giornate dal 9 al 16 luglio 2020, il campo estivo internazionale “Vedretta 2020”, da noi presentato su Soft Air Dynamics n. 116 (febbraio 2020). A causa dell’emergenza coronavirus, l’evento è stato sospeso e quindi riprogrammato per l’estate del 2021. I ragazzi che fossero interessati a vivere un’esperienza del genere possono leggere questo articolo e rendersi conto di quale straordinaria opportunità rappresenti il campo estivo della Boot Academy.     

L’esercitazione è aperta ai cadetti civili volontari iscritti alle diverse organizzazioni giovanili europee e a tutti i ragazzi (e ragazze) motivati e interessati a vivere l’esperienza di cadettato civile volontario, attività riconosciuta dal ministero dell’istruzione quale “percorso per le competenze trasversali e l’orientamento”.

Al campo estivo della Boot Academy saranno presenti cadetti italiani, britannici, polacchi, lettoni e lituani, di età compresa tra i quattordici e i diciannove anni. L’esercitazione rappresenta per questi giovani una grande opportunità d’incontro per stringere nuove amicizie, praticare attività operative in ambito difesa civile/soccorso e condividere valori.

Le attività si svolgeranno a quota 1870 metri sul livello del mare tra il Passo del Tonale e il comune di Ponte di Legno, ed esattamente nell’area alpina di Passo Tonale-Cima Cadì-Monte Tonale-Passo Paradiso-Conca di Presena, luoghi spettacolari, che furono teatro di aspri combattimenti durante la prima guerra mondiale tra alpini italiani e soldati dell’esercito austro-ungarico.

Il programma del campo estivo internazionale “Vedretta 2021” prevede lo svolgimento di molteplici attività tecnico-operative. I cadetti verranno suddivisi in plotoni, che si misureranno in esercizi di varia natura e contenuto. In ogni unità saranno sempre presenti due o tre istruttori adulti, che supervisioneranno l’attività e garantiranno la sicurezza, coordinati dal maggiore Roberto Viani, responsabile della direzione esercitazione.

La lingua ufficiale dell’esercitazione è quella adottata in ambito NATO, quindi l’inglese.

L’esercizio tattico
Come accennato, le operazioni si svolgeranno in area alpina e avranno il seguente supposto tattico:

Un elicottero non è più rientrato alla base e si teme per la sorte dell’equipaggio. Le comunicazioni si sono interrotte mentre sorvolava l’area indicata. Nella zona si sono infiltrate formazioni irregolari apertamente ostili (OpFor). Una richiesta di soccorso da parte dell’equipaggio è stata captata dal centro di ascolto IDGZ. La task force multinazionale “Aquila” (in codice “Blue Force”), dislocata presso FOB [forward operating base] Tonale ha l’ordine di iniziare le ricerche dei superstiti. La ricerca si presenta difficoltosa per l’orografia accidentata dell’area e per la presenza delle formazioni ostili.

Ordini missione
I plotoni Astore, Falco, Nibbio e Sparviero muoveranno sui diversi obiettivi alla ricerca dei piloti dispersi. Essendo probabile il contatto con OpFor, le unità dovranno mantenere un alto livello di prontezza e reazione.

Questi gli ordini della missione:
• ricercare il pilota disperso;
• attivare esfiltrazione del pilota mediante MedEvac/CasEvac (medical evacuation/casuality evacuation);
• mantenere un livello di pronta reazione ad ogni minaccia;
• valutare la minaccia;
• risolvere la minaccia;
• bonificare ogni area;
• raccogliere documentazione OpFor (intelligence).

FTX1
Attività: ricognizione e controllo del territorio.

Manovra di compagnia: lettura delle mappe e navigazione (10 km), missione di pattugliamento di un’area con raccolta di informazioni e controllo di due posizioni fortificate (fortezze della prima guerra mondiale).

FTX2
Attività: tecniche operative (challenge).

Competizione tra plotoni nelle seguenti quattro prove:
A. imboscata (repliche soft air + IR-Lacs e attivatori OpFor);
B. Look & strike (bersagli OpFor, simulazione topografica di tiro con mortaio);
C. tiro dinamico (repliche soft air + IR-Lacs e bersagli elettronici);
D. campo minato (ricognizione, ricerca materiali dispersi, superamento ostacoli).

FTX3
Attività: search & rescue.

Manovra di compagnia:
A. ricerca pilota disperso e trasporto nell’area MedEvac (lettura mappa e navigazione);
B. controllo e comando della manovra;
C. combat con attivatori OpFor (repliche soft air + IR-Lacs);
D. primo soccorso/trasporto di emergenza, difesa ravvicinata e MedEvac.

FTX4
Attività: esplorazione (battlefield tour).

Manovra di Compagnia: esplorazione della Conca Presena, ricca di piccoli laghi glaciali, fino alla base del ghiacciaio. Visita alle trincee italiane e austriache della prima guerra mondiale presenti.

Per informazioni:
Cell. 392 6085602
E-mail: segreteria@bootacademy.com
Sito web: www.bootacademy.com
Facebook: @associazionebootacademy

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *