01 Dicembre, 2022

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Cosa c’entra il soft air con queste coglionate?

Cosa c’entra il soft air con queste coglionate?

Nota della nostra redazione: solita notizia del solito imbecille annoiato che spara dalla finestra di casa con un’ASG. Niente di nuovo, insomma. La cosa un po’ disturbante, piuttosto, è la precisazione riguardante il soft air che l’articolista della “Nazione” si sente in dovere di aggiungere in calce all’articolo. Corretta, per carità, correttissima. Ma la domanda è sempre quella: cosa c’entra il nostro sport con queste coglionate?

Fucilata a pallini, colpito un passante

Denunciato un quarantenne che aveva un soft air gun: «Volevo fare uno scherzo a un mio amico, ho preso un altro»

Articolo di G.Sp. per La Nazione

Firenze, 24 luglio 2022 – «Uno scherzo, volevo fare uno scherzo a un mio amico». Se però ci va di mezzo qualcuno, che magari rischia anche un po’ e poi si arrabbia, la questione è un po’ diversa.

L’altro ieri pomeriggio dopo le 18:00 una volante del commissariato è dovuta intervenire nei pressi di viale Ariosto su segnalazione di un passante al 112 NUE: «Sono stato colpito dietro la testa da una scarica di pallini di plastica… Mi ha sparato un uomo, l’ho visto affacciato alla terrazza di un palazzo col fucile imbracciato…». Tutto vero. Gli agenti hanno subito identificato la persona ritenuta responsabile del gesto, un fiorentino di 40 anni, denunciandolo per il reato di “getto pericoloso di cose”.

Il quarantenne “spiritoso” si è giustificato – diciamo così – dicendo che voleva fare uno scherzo ad un suo amico che stava effettivamente passeggiando in strada accanto all’uomo raggiunto dai pallini di un fucile soft air di libera vendita. L’uomo l’ha consegnato alla polizia con le munizioni.

La vittima non avrebbe subito alcuna lesione ai primi controlli medici effettuati per sicurezza.

Il softair (anche noto come air soft) è uno sport di squadra basato sulla simulazione di azioni militari. Vengono utilizzate delle riproduzioni di armi da fuoco ad aria compressa che sparano pallini in plastica biodegradabile da 6 mm (disponibili in diverse grammature) alla potenza finale di massimo 0,99 Joule (in Italia), innocui per un essere umano (l’energia minima necessaria alla lacerazione della pelle risulta essere almeno 3 Joule). Certo poi dipenderà anche dal punto in cui arrivano i pallini: al volto e agli occhi in particolare, ad esempio, le conseguenze sarebbero in ogni caso certamente più gravi.

Se vuoi lasciare un commento, utilizza l’apposita finestra che trovi in basso nella pagina.

Se desideri consultare l’aggiornamento delle notizie inerenti il soft air pubblicate dalla stampa generalista, CLICCA QUI.

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *