22 Settembre, 2021

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Due parole, come softgunner, sul green pass obbligatorio

Due parole, come softgunner, sul green pass obbligatorio

Oggi, venerdì 6 agosto 2021, entra in vigore l’obbligo del cosiddetto “green pass” per l’accesso a vari tipi di esercizi e/o servizi.

Nella nostra redazione, alcuni sono vaccinati contro il Covid, altri no. Tutti – anche a seguito dell’esperienza vissuta nell’ambito di questo sport, che fin dagli esordi ha dovuto subire discriminazioni e limitazioni assurde e pretestuose – consideriamo la libertà personale il bene più prezioso.

Non siamo “no vax”, ma siamo certamente contrari a qualsiasi forma di obbligo vaccinale, diretto o indiretto, rivendicando in merito il sacrosanto diritto alla libertà di scelta. Per questo siamo anche “no pass”, perché riteniamo che l’imposizione del cosiddetto “green pass” – lungi dall’essere una soluzione per combattere il Covid – non rappresenti che un modo surrettizio per costringere la gente a vaccinarsi e per esercitare uno stringente controllo sociale sulle persone e la collettività.

In ogni caso, vi ricordiamo che:
• non occorre il green pass per praticare il soft air;
• non occorre il green pass per fare colazione al banco del bar la mattina sulla strada per il campo di gioco;
• non occorre il green pass per consumare all’aperto nei bar e nei ristoranti, e la maggioranza dei bar e dei ristoranti in Italia dispone di dehor, cioè di appositi spazi esterni;
• quando verrà la stagione fredda, se sarà il caso, chi non è vaccinato potrà munirsi di “green pass” – e dunque consumare al chiuso – dopo essersi fatto un bel tampone;
• a nostro modesto avviso, l’obbligo del “green pass” causerà tali disastri che, molto probabilmente, verrà revocato o rivisto in tempi più brevi di quanto possiamo immaginarci (si legga QUESTO ARTICOLO per farsi un’idea di quanto sia giuridicamente fragile il provvedimento).

Buona fortuna, Italia!

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *