24 Ottobre, 2021

header banner
header banner
header banner
header banner
header banner
In evidenza
Soft air sfrattato dai boschi di Parabiago

Soft air sfrattato dai boschi di Parabiago

Nota della nostra redazione: l’articolo che segue, pubblicato dal sito d’informazione “La Prealpina”, c’informa di un episodio spiacevole, purtroppo non infrequente: il mancato rinnovo delle autorizzazioni di gioco da parte di un’amministrazione comunale nei confronti di un club di soft air. Da quanto si legge, comunque, pare vi siano ancora margini per una soluzione positiva. Attendiamo, dunque, e incrociamo le dita.

Parabiago, softair sfrattato

La spiacevole sorpresa: il Comune non rinnova il permesso nelle aree boschive, si cerca una soluzione

Articolo di Silvia Colombo per La Prealpina

Parabiago (Mi), 17 giugno 2021 – La squadra si chiama Compagnia Shark, squalo, ma con il mare non ha nulla a che fare.

È la boscaglia il terreno ideale in cui svolgere lo sport praticato dai componenti dell’associazione di Parabiago presieduta da Lamberto Berardo: il softair.

Un’attività ludico-ricreativa autorizzata, riservata ai maggiori di 16 anni, che si basa sulla simulazione non violenta di azioni militari e che tre anni fa ha trovato casa a Villastanza, in un’area verde alle spalle delle scuole medie Rancilio, assegnata in concessione dal Comune.

Il 2021 però ha riservato una spiacevole sorpresa ai softgunners, circa una ventina, che ora rischiano di dover lasciare la città.

«Al momento di rinnovare l’accordo annuale per l’utilizzo dell’area boschiva dopo lo stop imposto lo scorso anno dalla pandemia«, spiega il presidente del sodalizio iscritto al Coni, «abbiamo ricevuto risposta negativa da parte dell’ufficio Ecologia che ha addotto come motivazioni la tutela della fauna e la possibile caduta di rami».

Una versione che non ha convinto Berardo: «Ci domandiamo come mai questi problemi siano emersi dopo tre anni. La fauna c’era anche prima e i rami potrebbero essere pericolosi anche per coloro che nel campo portano i cani a passeggio, eppure a questi ultimi nessuno dice nulla». Inoltre, c’è il fatto che il softair abbia un impatto davvero minimo sull’ambiente: «Le nostre armi sparano ad aria compressa e con un rumore davvero appena percettibile, pallini di cellulosa da sei millimetri completamente biodegradabili. Senza contare che la nostra presenza, due volte al mese e regolarmente segnalata da cartellonistica, è servita come presidio del territorio. Quando abbiamo avuto la concessione la prima volta abbiamo sgomberato così tanta spazzatura abbandonata, amianto incluso, che sono stati necessari più di dieci viaggi di furgone per smaltirla. E abbiamo sempre tenuto tutto pulito».

Non comprendendo il dietrofront del Comune, Berardo annuncia che l’associazione potrebbe lasciare Parabiago. «Se non verrà individuata un’alternativa», dichiara, «saremo costretti a malincuore a cercare supporto da altre amministrazioni. A meno che non vi sia qualche privato che possa venirci incontro e che abbia un’area da affidarci, anche dietro la corresponsione di un affitto ragionevole: siamo una piccola associazione e la quota annuale è calibrata solo per coprire le spese di iscrizione al Coni e l’assicurazione per i tesserati».

Ma, forse, non tutto è perduto. Lo spiega l’assessore Dario Quieti: «Discuteremo del tema in commissione congiunta con l’assessorato allo Sport. La volontà di trovare una soluzione c’è. Resta da verificare se vi siano altre aree comunali adatte».

Se vuoi lasciare un commento, utilizza l’apposita finestra che trovi in basso nella pagina.

Se desideri consultare l’aggiornamento delle notizie inerenti il soft air pubblicate dalla stampa generalista, CLICCA QUI.

About The Author

è l'unica rivista mensile a diffusione nazionale interamente dedicata allo "sport del 21° secolo": il soft air, gioco di squadra che riunisce in sé le discipline del combattimento a fuoco simulato.

Related posts

2 Comments

  1. Ferruccio

    Sono un iscritto alla TDL di Roma, mi spiace molto per quanto accaduto alla Compagnia Shark, non è raro trovare amministrazioni chiuse nei confronti del softair, per alcuni la troppa somiglianza con “la guerra” mette a rischio la reputazione politica nei confronti di elettori poco informati sui pregi della attività sportiva che rappresenta il softair.
    Spero proprio che il Sindaco e la giunta comunale comprendano la necessità di offrire degli spazi idonei e che possiate organizzare presto una milsim a carattere nazionale
    Il coinvolgimento di molti giocatori ha sempre rinfrescato le economie locali, con le prenotazioni di b&b, ristoranti e bar.
    In questo momento difficile, il softair deve essere considerato non solo un gioco, ma una vera e propria risorsa, anche per l’ambiente.
    Buona fortuna.
    Chef compressor TDL Roma

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *